Posts Tagged ‘camorra’

Lazio: il comune di Fondi candidato a capoluogo di regione.

12 gennaio 2010

Nel comitato elettorale della Polverini c’è Claudio Fazzone, il ras di Fondi che è riuscito a non far sciogliere il comune.

Dopo il *Succhia-succhia-che-mai-si-consuma*, ecco il *Mago Fazzone* e il comune che *Fondi-ma-non-si-scioglie*.
Miracolooo! Nulla si scioglie eppure i liquidi scorrono a fiumi, gonfiando le tasche dei clan…

Fazzone porta in dote 50mila voti ed è talmente potente che non lo ferma nessuno.

Bersani: “Con Fondi anche noi!”. Superfluo: siete già fin troppo confusi.

(dalla relazione scritta a suo tempo dal ministro dell’Interno Roberto Maroni: “Nel comune di Fondi l’ingerenza della criminalità organizzata è pesantissima, tale da condizionare tutte le decisioni dell’amministrazione. A Fondi comandano le famiglie Tripodo-Trani: la ‘ndrangheta, ma anche i clan della camorra, casalesi, in primo luogo.”)

Annunci

L’uomo dell’anno aggiusta i conti, ma soprattutto azzecca i tornaconti

6 gennaio 2010

Tremonti premia i *comuni virtuosi*: in cima alla lista, milioni per Catania e Palermo, nonostante i bilanci disastrati.

Eurispes: mafia, ‘ndrangheta e camorra registrano un utile annuo tra i 120 e i 180 miliardi di euro.

I bilanci presentati a Tremonti da Catania e Palermo, erano il fatturato della mafia.

La ‘ndrangheta all’attacco: Governo razzista, ci discrimina

4 gennaio 2010

Bomba al tribunale di Reggio Calabria: tesori sequestrati e maxi condanne ecco perché i boss hanno alzato il tiro

Per lanciare un avvertimento in direzione del Governo, senza correre il rischio di colpire Berlusconi

Alla ricerca di un esperto che ben sappia su quali regole si Fondi* la pacifica convivenza di stato e criminalità, il Governo chiederà consiglio a Nicola Cosentino.

* Il riferimento è alla sostituzione del prefetto Frattasi (che per due volte aveva chiesto lo scioglimento dell’amministrazione comunale di Fondi) con il nuovo prefetto Paolino Maddaloni, a un passo dal diventare sindaco di Caserta per il Pdl nel 2006. Tra i suoi principali supporter c’era il sottosegretario Nicola Cosentino.